Con la testa e con il cuore – Viterbo

     

    Paola Marchetti, 46 anni, mamma e impiegata. Diplomata, da sempre impegnata nel mondo del sociale e del volontariato: Croce Rossa, Caritas, Avis, ecc. Membro del “Comitato per l’acqua pubblica” e “Salviamo la Faggeta”. Negli anni è stata ed è membro o Presidente di diversi Consigli d’Istituto in vari Istituti scolastici. Amministratore della Casa di Riposo “Giuseppe Altobelli” di Bassano Romano. Eletta al Comune di Bassano Romano, ha ricoperto il ruolo di vicesindaco, assessore alla Politiche sociali e Pubblica Istruzione. Coordinatrice provinciale di SEL Viterbo. Il suo carattere solare e la sua capacità di empatia la rendono da sempre un punto di riferimento importante per le persone del territorio. Attenta in particolare alle esigenze dei più deboli, delle donne e dell’ambiente. In prima linea nelle battaglie per la legalità e la trasparenza, soprattutto nelle Pubbliche Amministrazioni.

     

     

     

    Francesco Bigiotti, classe 1962, felicemente sposato  con Paola e padre di Alessandro, Carlo e Francesca. Professione farmacista. Sindaco di Bagnoregio, ideatore e sviluppatore di quello che viene definito dai giornali nazionali ed internazionali e da importanti personalità il “modello Civita”. Profondamente legato alla sua cara Teverina ha saputo amministrare aprendosi al mondo. Oggi il Comune guidato da lui accoglie ogni anno 850mila turisti il 50 per cento dei quali provenienti da Nord Europa e Paesi dell’Est Asiatico (cina, Giappone, Corea). Da sindaco ha saputo concretizzare un vero sviluppo turistico, attraverso la costruzione di un’importante rete di relazioni a tutti i livelli e a un utilizzo strategico della comunicazione. Si candida alla Regione Lazio con il sogno di lavorare per fare della Tuscia “il giardino d’Italia”.

    #IoCiSono perché ho il coraggio di cambiare le cose.

     

     

     

    Chiara Porcari, 41 anni, laureata in Medicina e Chirurgia e specializzata in Radiodiagnostica. Una profonda passione per la medicina la porta a non demordere di fronte al dramma del personale medico precario. Per un periodo si allontana dalla sua Regione trovando una sicurezza lavorativa in Veneto. Rientrata nel Lazio, fiduciosa di poter offrire tutta la professionalità e l’esperienza acquisiste, lavora oggi nel presidio di Civita Castellana ed ha iniziato ad immaginare, dopo la fine del commissariamento, la progettazione di una nuova idea di sanità territoriale. In parallelo il suo dinamismo ed entusiasmo prendono forma nel settore turistico, nell’accoglienza, sulla via Francigena, nella rinascita di un termalismo moderno e di un turismo slow.

     

     

     

    Mauro Mazzola, nato nel 1955 a Tarquinia, dove risiede. Inizia fin da giovane ad essere partecipe alla politica sindacale e si iscrive al PCI. Alla fine degli anni Settanta viene eletto consigliere comunale a Tarquinia, dove a inizio anni Novanta diventa assessore comunale. Eletto consigliere provinciale a Viterbo a inizio anni Duemila, dal 2005 è assessore provinciale. Nel 2007 vince le elezioni comunali di Tarquinia al ballottaggio per 56 voti e viene eletto sindaco. Confermato nel 20012 già al primo turno, con il 51%. Dopo la riforma delle province prevista dalla legge Delrio, a maggio 2015 viene eletto attraverso elezioni di secondo grado, Presidente della Provincia di Viterbo, incarico che ricopre fino a maggio 2017.

    #IoCiSono perchè voglio contribuire con esperienza politica e passione alla riconferma del presidente Nicola Zingaretti ed impegnarmi per il miglioramento dei servizi alla persona. In Regione mi impegnerò sui temi della sanità, dei servizi sociali alla persona e del sostegno alle fasce più deboli.